Rieccomi…

Ciao a tutti, eccomi a voi dopo un lungo periodo d’assenza, dovuto principalmete al fatto che sono presissimo al lavoro – per fortuna –  ed alla sera non ho la testa, la voglia ed il tempo per mettermi a riguardare le numerose foto che ho accumulato in questi ultimi tempi.

Tra le tante uscite fatte, quella più degna di nota resta la giornata dedicata ai Gruccioni nell’ormai lontano mese di maggio. Questi uccelli migratori, deliziano i cieli primaverili ed estivi della nostra penisola con i loro bellissimi colori.  Arrivano a fine aprile e ripartono ad Agosto per poi svernare nelle zone dall’africa subsahariana. Quest’anno, grazie al mio amico Samuele, sono finalemente riuscito a fotografarli in santa pace lungo il fiume Scrivia in Piemonte. Arrivati sul posto, ben prima delle otto di mattina, ci appostiamo nel capanno biposto in attesta dei variopinti volatili. L’attesa non dura troppo: in zona ce ne sono parecchi e tutti attivi. Il primo si posa sul posatoio fatto ad arte e resta così per qualche minuto a farsi fotografare. Poi un va e vieni continuo per qualche tempo…tutto presagiva per il meglio. Abbiamo pure intravisto un rigogolo….senza fotografarlo ovviamente – e qui  Samuele si è mangiato letteralmente le… mani – ma poi tutto è finito. O meglio: i gruccioni c’erano sempre, ma invece di posarsi sul posatoio “ufficiale” – quello a portate di reflex per intenderci – si posavano su dei rami ad un livello più basso della scarpata. Tutto ok direte voi, se non fosse che riuscire a fotografarli in quel’ area più bassa e defilata è stata un’impresa. Posizioni scomodissime e schiena a pezzi per tutta la giornata. Alla fin della fiera è stato tutto bellissimo: per la prima volta, ho fotografato a dovere i gruccioni e ho passato una fantastica giornata in compagnia di un amico., immerso nella natura “selvaggia” ad un passo da casa!!!

Torrile fa rima con Aprile

Il mese di Aprile si è concluso con un’intensa giornata fotografica all’insegna della natura nella riserva LIPU di Torrile e Trecasali. Per chi non lo sapesse questa riserva sorge nel comune di Torrile, in provincia di Parma. È visitabile tutto l’anno nei giorni di giovedì, sabato e domenica dalle 9 alle 17.00, gratuitamente se si è soci LIPU altrimenti con un piccolo contributo di 5€.  Grazie alla vicinanza del Pó, vera e propria autostrada percorsa da numerosi migratori, è meta di numerosi volatili che transitano in zona. Ne sono state contate più di 300 specie diverse, tra cui i bellissimi Cavalieri d’Italia, Aironi, Sgarze, Sterne, Pavoncelle, Chiurli, Combattenti e molte, molte altre. Inutile dirvi che il periodo migliore è la primavera, quando numerosissime sono le possibilità di incontri ravvicinati con i visitatori dell’oasi. Grazie ad una serie di capanni strategicamente posizionati, si può in tutta tranquillita vedere e fotografare gli uccelli senza recar loro fastidio…ovviamente in silenzio, sempre. Rispetto per la natura vuol dire innanzitutto saper osservare senza far danni…

Mappa della Riserva

Visto la giornata di sole e beltempo sono partito alla mattina di buon ora, con arrivo alla riserva previsto per  poco prima delle nove. Arrivato all’uscita Parma, faccio pochi chilometri e nei campi vicini vedo un numero impressionante di aironi guardabuoi, un gheppio, una poiana, una coppia di falchi di palude e persino un cuculo. Fortuna vuole che la reflex sia nel baule, ma come inizio di mattina  non è per niente male. All’apertura mi fiondo subito nel capanno Garzaia: infatti il mio obbiettivo principe è fotografare le sgraze ciuffetto e le nitticore  che vivono numerose nell’oasi in questo periodo. Il mese scorso infatti, durante la mia visita marzolina, non erano ancora presenti – c’erano in compenso una moltitudine di Cavalieri d’Italia e tanti combattenti.  Il tempo è splendido, con una luce bellissima e una visibilità ottima – a marzo c’era la nebbia!!! – l’ideale per mettere alla frusta la 7d2 è il sigma s: non vedo l’ora. All’inizio la situazione non sembra delle più rosee: poco movimento e soggetti lontanissimi. Poi dopo circa mezz’oretta la situazione evolve: arrivano le sgarze e a seguire una nuvola di nitticore. Resto nel capanno per almeno due ore fotografando come se non ci fosse più un domani. Poi vedo due nitticore volare davanti al capanno e girare verso sinistra dove, più avanti, c’è il capanno Tex. Vuoi che, fortuna permettendo, siano fotografabili da vicino?

Mi sposto quindi nel Tex, iper affollato, dove – ok sarà anche culo ma ogni tanto ci vuole, no?- mi  attende una coppia di nitticore – saranno le due che ho visto pochi minuti prima? – a pochi metri. Book fotografico gratuito servito su di un piatto d’argento.  E poi ancora  tante, tante sgarze che fanno numeri di tutti i tipi. E pensare che a Marzo questo capanno era snobbato da tutti e deserto!!!  Come cambia la situazione nel giro di un solo mese! Il tutto procede benissimo e non potrei chiedere di meglio. Riesco pure a piazzare il cavalletto in modo da far riposare le braccia, stressate dai 4,5kg dell’accoppiata reflex obbiettivo…

Esco dal capanno per dare un’occhiata se dal famoso bunker – un capanno a filo d’acqua- si vede qualcosa di interessante: il deserto…poi me ne vado alla svarosky ma anche lì poca roba e tutto troppo lontano. Torno quindi alla garzaia per fotografare qualche altra sgarza e ritento la fortuna al bunker. Questa volta va decisamente meglio. Aironi e garzette animano la zona. Quello che avevo bisogno per concludere la giornata alla grande. C’è anche pochissima gente e quindi piena libertà di movimento.

 

Tirando le somme mi posso ritenere più che soddisfatto da quello che ho visto. Certo non ho fotografato nulla di eclatante e di particolare. Tutte le foto rientrano nella categoria “figurine” ma resto comunque contento. L’anno scorso nello stesso periodo avevo visto più specie diverse ma quest anno le sgarze e nitticore mi sembravano più attive e numerose.  Purtroppo anche stavolta neiente rapaci, ma si sa che la fortuna non sempre gira dalla parte giusta. La 7d2 si è dimostrata un vero cecchino e l’arrivo del sigmone le ha giovato assai. Una nitidezza superiore unita alla maggior lunghezza focale aiutano parecchio a anche l’autofocus più veloce e reattivo mi ha permesso di ottenre sequenze  interessanti e tutte fruibili, non fosse per qualche mio errore di valutazione d’inquadratura che ha fatto si che alcune tra le più belle siano inservibili per via di tagli dovuti all’ecesso di zoom. Un errore purtroppo non frequente, ma comunque imperdonabile, dettato dalla foga ed euforia del momento. Un po’ di calma e razionalità in più sarebbero utili: ma se così fosse…non sarei io!!! Ciao!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Metto pure qualche foto di Marzo: sono quasi tutte fatte del capanno bunker e qualcuna dallo svarosky. Spero siano di vostro gradimento! Ciao!!!

 

Lago di Lecco e Fiume Adda. Qualche scatto in Relax

Ciao a tutti! Rieccoci con le mie “uscite” fotografiche del mese di aprile. Si comincia dal giorno di Pasquetta, dove in compagnia del mio amico Samuele –  bravissimo ed espertissimo fotografo – siamo andati sulle rive del vicino lago  di Lecco in cerca di fortuna. L’obiettivo era riuscire a fotografare il Nibbio, che vive numeroso tra le alture circostanti. Dagli alti boschi si spinge sulle acque del lago per pescare…il bello sarebbe stato riuscire ad immortalarlo in azione, tra planate spettacolari e tuffi a pelo d’acqua. Ovviamente la fortuna non ci ha accompagnato, e i bellissimi rapaci sono rimasti lassù in cielo a volteggiare maestosi…D’altro canto, la mattinata si è rivelata alquanto proficua, di sicuro meglio delle ultime scarne uscite: un sacco di aironi cenerini e, soprattutto, tanti, tanti smerghi maschi e femmine che ho fotografato per la prima volta da così vicino. Il tempo non è stato bellissimo; almeno per una buona mezza mattina c’è stato molto vento e tanto freddo – e io ero vestito, pile a parte, come in piena estate – ma poi si è aperto e con il sole è stato un vero spettacolo! All’inizio eravamo solo in tre…io, Samuele e il suo amico Franco – altro grandissimo fotografo. A metà mattina ho contato più di trenta persone con reflex in mano e naso all’insù speranzosi che gli eleganti rapaci ci regalassero un passaggio ravvicinato che purtroppo, come vi ho già detto, non è arrivato! _DSC4597

_MG_5533_MG_5549_MG_5589_MG_5602_MG_5767_MG_5769_MG_5864_MG_6009_MG_6026_MG_6112_MG_6158_MG_6227_MG_6355_MG_6360_MG_6363_MG_6437

Il pomeriggio di sabato 22 Aprile, grazie alla soffiata del sempre informatissimo Samuele -grazie, grazie, grazie –   mi sono recato sull’Adda per immortalare una coppia di Svassi Maggiori che aveva nidificato a pochi metri dalla riva e a cui si erano schiuse da poco le uova. Essendo a casa da solo con la scusa di una camminata in mezzo alla natura ho portato con me il mio piccolo Edoardo e mia mamma…”così mentre io fotografo…la nonna cura e tiene d’occhio  la piccola peste” ho pensato. Non ce ne è stato bisogno!!! Dopo un inizio un po’ titubante il piccolo Edo si è impossessato della mia Mirrorless e della seggiola ed è rimasto per ben due ore fermo ed immobile ad ammirare ogni uccello che passava in zona e “fotografando” ogni cosa – soprattutto erba e cielo 🙂 –  e, ovviamente, tempestandomi di mille domande e richieste di spiegazioni – perché non vola, perché fa così, perché si immerge, cosa ha in bocca, perché, perché perché… Siamo quindi rimasti tutti e tre ad ammirare la natura sul fiume. Che dire: niente poteva rendermi più felice.  Il mio  piccolo tesoro non perde mai occasione per stupirmi e rendermi sempre più orgoglioso di lui!!! Torniamo agli Svassi…al nostro arrivo erano un po’ lontani, ma in piena luce. Poi , tempo di tre foto, se ne sono andati  sull’altra sponda – la solita fortuna… – per poi tornare quando di luce ce ne era ben poca. Alti iso e cavalletto obbligatorio. I risultati avrebbero potuto essere migliori ma non mi lamento. Ho passato comunque un pomeriggio diverso dal solito e fantastico!!!_MG_6679

_MG_7073_MG_7078_MG_7210_MG_7213

 

Clipper Aprile 2017

Domenica 9 Aprile 2017: la mia prima sessione clipper dell’anno. Avevo lasciato il 2016 con un’uscita, all’aereoporto di Milano MPx  a settembre, non proprio entusiasmante: pochi aerei interessanti, poca vita e movimento. Ho affrontato questo nuovo inizio speranzoso di trovare qualcosa di meglio. Per fortuna così è stato!!! Una delle più belle uscite a cui ho mai partecipato!!! I soggetti “unici” e particolari non erano tanti, se vogliamo indicarne qualcuno il cargo 777 Ethiopian, il FAVOLOSO A350 della Singapore e il CS100 Swiss, ma i passaggi ravvicinati sul raccordo GW, le posizione giuste in pista, il pushback del A380 Emirates e il decollo dello stesso, la visita al triplo FedEx…tante piccole chicche cha hanno reso fantastica questa uscita domenicale passata in compagnia di amici tra il verde dell’erba bordo pista, l’asfalto rovente – ed è solo Aprile – e le inalate a pieni polmoni del buon vecchio cherosene.

A voi una lunga carrellata della foto domenicali, spero siano di vostro gradimento:

_MG_0712

Boeing 787 Ethiopian in sosta vicino al Terminal 1


_MG_0716

Airbus A319

_MG_0717

Area Cargo:

_MG_0719

Boeing 747-400F

_MG_4895

Nuova area Cargo FedEX:

_MG_0723

Boeing 777 Cargo tirato a lucido che neanche mastrolindo in persona…


_MG_0725

Il motorone del 777, il motore avionico più grande al mondo (GE90)


_MG_4918

Boeing 767 Delta in partenza per Newark

_MG_4923

_MG_4937

A330 Delta in partenza per New York

Scatti dalla zona Deicing sul raccordo GW:

_MG_0747_MG_4955

_MG_4963

Bombarider CS100 Swiss

_MG_4964

_MG_0750

Boeing 777-300R Emirates

_MG_0754_MG_4969_MG_4976_MG_5030_MG_5034_MG_5039_MG_5086

_MG_5099

Airbus A340-600…lungo che più lungo non si può…

_MG_5116_MG_0795

_MG_5139

Alitalia Airbus A330

_MG_5141_MG_5159_MG_5161_MG_5191

_MG_5200

Saràma a me sto motorone con la sua turbina da 325 cm di diamatro mi fa impazzire…


_MG_5212

Meridiana 767-300

_MG_5220_MG_5224_MG_5230_MG_5236

_MG_5246

Il nuovo gioiello della Airbus, lo spettacolare A350-900

_MG_0845_MG_0858_MG_0861

_MG_5253

Boeing 747-800 Cargo

_MG_5258_MG_0867_MG_5264_MG_0877

PushBack dell’ A380 Emirates dalla zona Terminal 1:

_MG_0899

Puschback del A380-800

_MG_0912

Decollo dalla zona CBC:

_MG_5280

Decollo potente ed imperioso del mastodontico 380

_MG_5287

Avifauna 2016

Ciao a tutti! Finiamo con questo articoletto la serie di scatti “vecchi”. Da ora in poi il mio blog sarà aggiornato solo con foto nuove e non più con scatti recuperati dagli anni passati. Voglio racchiudere qui una decina di miei scatti fatti del 2016 in ambito avifaunistico. Sia inteso: come qualità sono lontani anni luce se confrontati con quelli di amici, vermante capaci, che ho avuto la fortuna di conoscere e che sono dei veri assi del genere. Cercherò con costanza, suggerimenti e passione di migliorare poco alla volta cercando di ottenere foto più belle e particolari.

_MG_1034

Cinciarella…al fresco

_MG_2697

Svasso Maggiore

_MG_2965

Sgarza ciuffetto

_MG_3384

L’amica sgarza in altra posa e colori

_MG_3458

Nitticora

_MG_4022

Airone guardabuoi

_MG_4550

Cannareccione

_MG_6055

Airone Cenerino

_MG_6124

Sgarza a pesca…

_MG_6463

Egretta Garzetta

_MG_6646

Sgarza al volo

_MG_8216

Uria Nera

Aircraft Spotting

Aircraft spotting, la passione per la foto di aerei e per tutto quello che è il mondo dell’aviazione. Sono sempre stato affascinato dal mondo dell’aereonautica. A dire il vero sono affascinato da tutto quello che è spinto da motori, ma di sicuro gli aerei sono da sempre il mio pallino fisso. Fin da bambino quando collezionavo modellini in scala, libri e riviste…da adulto facendo foto a sti benedetti bestioni volanti.

All’inizio me ne andavo girovagando attorno al perimetro esterno degli aeroporti di Linate e Malpensa, seguendo le linee guida che si trovano online su vari siti e forum – uno dei quali è MSG spotters group – seguendo scrupolosamente tutte le regole  nel MASSIMO rispetto della legge e dell’aeroporto. Troppo spesso si vedono segni di inciviltà e vandalismo gratutuito – talgiare le rete per esempio oppure sostere in aree proibite…- che minano la fiducia che gli spotters autentici si costruiscono faticosamente collaborando con le autorità aeroportuali e rispettando quello che impongono le forze dell’ordine. Poi,grazie ad un amico ho conosciuto l’Associazione italiana amici dell’aviazione – Clipper che con cadenza quasi mensile organizza sessioni fotografiche, pagando una quota di partecipazione,  all’interno dell’aeroporto di Milano Malpensa e non solo. Non c’è bisogno di dirvi che mi sono iscritto “al volo”…e da li ho partecipato a diverse sessioni!!! La soddisfazione dell’essere a bordo pista mentre decollano, atterrano o rullano i bestioni dell’aria è unica per un appassionato come me!!! La posizione privilegiata per far foto è una vera manna: altro che stare all’esterno!!! Poi ovvio dipende tutto dalla posizione dove ci si piazza all’interno dello scalo: se per ragioni di sicurezza le autorità aeroportuali decidono di limitare i nostri spostamenti o di vincolarci in una parte remota dello scalo i risultati non saranno eccelsi. Ma se ci danno il via libera – occhio via libera relativo…siam sempre scortati da due/tre agenti di sicurezza e da un funzionario aeroportuale, e ci mettiamo in posizione tattiche…il risultato è fenomenale!!!

La prima in assoluto è stata ad aprile 2015. Arrivo a Malpensa prestissimo…saranno la 8… Si entra alle 9. Inizio a far conoscenza con altri appassionati: alcuni sono veramente simpatici e competenti. Sanno di tutto e di più su rotte, compagnie,aerei e loro livree. Delle enciclopedie viventi!!!  Passati i controlli classici che si fanno per imbarcarsi – documenti, metal detector e nastro per zaini e macchine fotografiche  etc etc – si entra: giudicate voi il risultato: _MG_1210_MG_1821_MG_1515_MG_6563_MG_6705_MG_8045_MG_6339

Poi, da quel giorno,un crescendo continuo fino al 2016, dove purtroppo ho saltato parecchie uscite perché infrasettimanali e, per concludere in bellezza, ben due  a causa della frattura del pollice della mano sinistra…_MG_2736_MG_2775_MG_2823_MG_2853_MG_2909_MG_2935_MG_2956_MG_2982_MG_8176_MG_8233_MG_8332_MG_8451-copy_MG_8509_MG_8636747sp_MG_4154_MG_4188_MG_4194_MG_4221_MG_4228_MG_5216_MG_5196_MG_4949_MG_4955_MG_4978_MG_5019_MG_5059_MG_5159_MG_4744a_MG_4677a_MG_4635_MG_4632a_MG_0001_MG_0009_MG_0044_MG_0086_MG_0168_MG_0182_MG_0246_MG_0256_MG_0297_MG_0324_MG_0371_MG_0379_MG_0384_MG_9938_MG_8733

Ma state sicuri che in questo 2017 mi rifarò di sicuro!!! Ciao!!!

I miei Paesaggi…

Una delle mie grandi passioni fotografiche sono i paesaggi. Cercherò in questo piccolo articolo di proporvi alcune  foto – la maggior parte delle quali su territorio italiano –  che ho scattato in questi anni di giri con la reflex al collo. Spero siano di vostro gradimento… Se così non fosse criticate e commentate pure: ogni opinione e critica è la base per costruire un miglioramento. Ciao!!!

_MG_1908

Camogli, Liguria. Canon 5d2+24-105L  F13, 6s iso 100. Lunga esposizione ottenuta con filtro Nd1000

_MG_1882

Camogli. Canon 5d2 +24-105L, F16, 10s _iso100. Anche qui filtro nd1000

_MG_1963

Boccadasse, Canon 5d2+24-105L. F13,25s Iso 100. Filtro nd1000

_MG_9893_4_5_tonemapped

Manarola, Cinque Terre. Canon 5d2 + 24-105L. Purtroppo la luce dura di mezzogiorno non mi ha aiutato…andrebbe fatta all’alba o tramonto…ho cercato di ovviare al problema facendo un leggero HDR, che però ha reso la foto un po’ finta.

_MG_9652

La Tonnara, Palmi. Canon 5d2 + 24-105L. F8, 30s iso 100. Filtro Nd1000

_DSC3413

Laghetto di Sartirana

_MG_0148

Campi tra Valaperta e Lomagna. Canon 5d2+Sigma 35Art. F9  1/125s iso 320

_MG_4180

Solitudine. Campi di grano nel parco colli Briantei. Canon 7d+100-400 f5,6 1/1000s iso 2500

_MG_1173

L’Adda, tra Brivio ed Imbersago. Canon 5d2+25-105L, F9 1/200s Iso 100

_MG_5898

L’Adda. Canon 5d2 + 24-105L, f9, 1/250s iso 100

_MG_5909

Guardando il fiume. Canon 5d2 + 50m, F2 1/800s iso 100

_MG_1075

Tramonto sul Pizzo Scalino, Caspoggio. Canon 7d + 100/400 F11 1/5s Iso100

_MG_7418

La Diga, Trezzo sull’Adda. Canon 5d2 + Sigma 35, F8 1/800s Iso100

_MG_7307

Rifugio Bignami, Valmalenco. Canon 7d2 + 100-400L, F8 1/800s Iso400

_MG_0954a

Natale a Scilironi, Valmalenco. Canon 7d + 50, F8 13s iso 200

_MG_9014

Siena, Piazza del Campo. Canon 5d2 + 24-105L, F18 1/125s iso200

_MG_9005

Piazza del Campo. Canon 5d2 +50mm, f10 1/160s iso 100

_MG_9648_HDR

Parco dei colli Briantei. Unione di tre scatti (+1,0,-1) con 5d2 e 24-105L, F11 1/200 iso100.

_MG_4543bw

Tipica Venezia. Canon 5d2 + 24-105L

_mg_0538a

Oasi dell’Alberone, Villa d’Adda. Canon 5d2+24-105L, f8 1/40s iso100

DSC00328

Brivio, panoramica eseguita grazie all’unione  di più scatti con Sony a6000.

_MG_9726

“Giochi d’Acqua” a Venaria Rale. Canon 5d2+24-105L

_MG_9671-copy

Venaria Reale. Canon 5d2 + 24-105L.

_MG_9363-copy

Torino e la sua storia, andando verso piazza Castello. Canon 5d2 + 24-105L

_MG_1292

Colonnato di San Pietro visto dalla cupola della Cattedrale.

_MG_7694

Incrocio nel verde, Fussen.

_MG_8835

Tramonto a Praga

_MG_9078

Cesky Krumlov,villaggio medievale nella Boemia, patrimonio del UNESCO