Torrile fa rima con Aprile

Il mese di Aprile si è concluso con un’intensa giornata fotografica all’insegna della natura nella riserva LIPU di Torrile e Trecasali. Per chi non lo sapesse questa riserva sorge nel comune di Torrile, in provincia di Parma. È visitabile tutto l’anno nei giorni di giovedì, sabato e domenica dalle 9 alle 17.00, gratuitamente se si è soci LIPU altrimenti con un piccolo contributo di 5€.  Grazie alla vicinanza del Pó, vera e propria autostrada percorsa da numerosi migratori, è meta di numerosi volatili che transitano in zona. Ne sono state contate più di 300 specie diverse, tra cui i bellissimi Cavalieri d’Italia, Aironi, Sgarze, Sterne, Pavoncelle, Chiurli, Combattenti e molte, molte altre. Inutile dirvi che il periodo migliore è la primavera, quando numerosissime sono le possibilità di incontri ravvicinati con i visitatori dell’oasi. Grazie ad una serie di capanni strategicamente posizionati, si può in tutta tranquillita vedere e fotografare gli uccelli senza recar loro fastidio…ovviamente in silenzio, sempre. Rispetto per la natura vuol dire innanzitutto saper osservare senza far danni…

Mappa della Riserva

Visto la giornata di sole e beltempo sono partito alla mattina di buon ora, con arrivo alla riserva previsto per  poco prima delle nove. Arrivato all’uscita Parma, faccio pochi chilometri e nei campi vicini vedo un numero impressionante di aironi guardabuoi, un gheppio, una poiana, una coppia di falchi di palude e persino un cuculo. Fortuna vuole che la reflex sia nel baule, ma come inizio di mattina  non è per niente male. All’apertura mi fiondo subito nel capanno Garzaia: infatti il mio obbiettivo principe è fotografare le sgraze ciuffetto e le nitticore  che vivono numerose nell’oasi in questo periodo. Il mese scorso infatti, durante la mia visita marzolina, non erano ancora presenti – c’erano in compenso una moltitudine di Cavalieri d’Italia e tanti combattenti.  Il tempo è splendido, con una luce bellissima e una visibilità ottima – a marzo c’era la nebbia!!! – l’ideale per mettere alla frusta la 7d2 è il sigma s: non vedo l’ora. All’inizio la situazione non sembra delle più rosee: poco movimento e soggetti lontanissimi. Poi dopo circa mezz’oretta la situazione evolve: arrivano le sgarze e a seguire una nuvola di nitticore. Resto nel capanno per almeno due ore fotografando come se non ci fosse più un domani. Poi vedo due nitticore volare davanti al capanno e girare verso sinistra dove, più avanti, c’è il capanno Tex. Vuoi che, fortuna permettendo, siano fotografabili da vicino?

Mi sposto quindi nel Tex, iper affollato, dove – ok sarà anche culo ma ogni tanto ci vuole, no?- mi  attende una coppia di nitticore – saranno le due che ho visto pochi minuti prima? – a pochi metri. Book fotografico gratuito servito su di un piatto d’argento.  E poi ancora  tante, tante sgarze che fanno numeri di tutti i tipi. E pensare che a Marzo questo capanno era snobbato da tutti e deserto!!!  Come cambia la situazione nel giro di un solo mese! Il tutto procede benissimo e non potrei chiedere di meglio. Riesco pure a piazzare il cavalletto in modo da far riposare le braccia, stressate dai 4,5kg dell’accoppiata reflex obbiettivo…

Esco dal capanno per dare un’occhiata se dal famoso bunker – un capanno a filo d’acqua- si vede qualcosa di interessante: il deserto…poi me ne vado alla svarosky ma anche lì poca roba e tutto troppo lontano. Torno quindi alla garzaia per fotografare qualche altra sgarza e ritento la fortuna al bunker. Questa volta va decisamente meglio. Aironi e garzette animano la zona. Quello che avevo bisogno per concludere la giornata alla grande. C’è anche pochissima gente e quindi piena libertà di movimento.

 

Tirando le somme mi posso ritenere più che soddisfatto da quello che ho visto. Certo non ho fotografato nulla di eclatante e di particolare. Tutte le foto rientrano nella categoria “figurine” ma resto comunque contento. L’anno scorso nello stesso periodo avevo visto più specie diverse ma quest anno le sgarze e nitticore mi sembravano più attive e numerose.  Purtroppo anche stavolta neiente rapaci, ma si sa che la fortuna non sempre gira dalla parte giusta. La 7d2 si è dimostrata un vero cecchino e l’arrivo del sigmone le ha giovato assai. Una nitidezza superiore unita alla maggior lunghezza focale aiutano parecchio a anche l’autofocus più veloce e reattivo mi ha permesso di ottenre sequenze  interessanti e tutte fruibili, non fosse per qualche mio errore di valutazione d’inquadratura che ha fatto si che alcune tra le più belle siano inservibili per via di tagli dovuti all’ecesso di zoom. Un errore purtroppo non frequente, ma comunque imperdonabile, dettato dalla foga ed euforia del momento. Un po’ di calma e razionalità in più sarebbero utili: ma se così fosse…non sarei io!!! Ciao!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Metto pure qualche foto di Marzo: sono quasi tutte fatte del capanno bunker e qualcuna dallo svarosky. Spero siano di vostro gradimento! Ciao!!!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...